Menu
Range_02.jpg

Birra analcolica

9 domande e risposte sulla birra analcolica

1. Cosa contiene una birra analcolica?

2. Esistono diversi tipi di birra analcolica?

3. Come viene prodotta una birra analcolica?

4. Come si giustifica la crescente richiesta di birra analcolica degli ultimi tempi?

5. Perché la birra analcolica è così amata dagli sportivi?

6. Quali sono i valori nutrizionali e le calorie contenuti nella birra analcolica?

7. Da quando esiste la birra analcolica in Svizzera?

8. Perché determinate birre analcoliche presentano lo 0,5 percento di alcool in volume?

9. La birra analcolica è adatta anche a bambini, donne in gravidanza ed ex bevitori compulsivi?

 

 

1. Cosa contiene una birra analcolica?

La birra analcolica è prodotta con ingredienti naturali, ovvero cereali maltati (principalmente orzo), luppolo, lievito e acqua.
È l’unica bevanda analcolica a contenere una tale combinazione di sostanze: polifenoli naturali (derivanti dal luppolo) capaci di rinforzare il sistema immunitario, nonché minerali (tra cui magnesio, potassio) e una serie di vitamine naturali del gruppo B.

 

 

2. Esistono diversi tipi di birra analcolica?

Sì e sono sempre di più!
Già oggi Feldschlösschen propone un’ampia gamma di birre analcoliche: dal 2018 offriamo, oltre alla birra Feldschlösschen Lager Senz’Alcool, anche la Feldschlösschen Senz’Alcool Bianca e dal 2020 la Cardinal 0,0%. La Bilz Panaché (0,0%) è in commercio già dal 1984.
In futuro saranno prodotte sempre più varietà per soddisfare la crescita della domanda di birra analcolica.
La Feldschlösschen Lager Senz’Alcool e la Bianca Senz’Alcool Feldschlösschen sono due tipologie di birra completamente diverse tra loro: sono realizzate con cereali diversi e mediante diversi processi di produzione. Per Feldschlösschen, in una birra analcolica conta solo un aspetto: dare a ognuna il gusto migliore.

 

 

3. Come viene prodotta una birra analcolica?

La fabbricazione della birra analcolica può avvenire in uno dei seguenti modi:

1) rimuovendo l’alcool al termine del processo di birrificazione,

2) agendo sulla fermentazione, così da ridurre la produzione di alcool,

oppure servendosi di entrambe le tecniche.

 
1) Esempio

Feldschlösschen Lager Senz’Alcool. Fabbricazione mediante distillazione sottovuoto
Si rimuove l’alcool a termine del processo di fermentazione mediante la distillazione sottovuoto.
Analogamente alle birre alcoliche, si produce il cosiddetto aroma che viene portato a fermentazione con il lievito. In questa fase, la gradazione alcolica si attesta tra il 4,5 e il 5 percento in volume. In un impianto di distillazione sottovuoto si procede a «sottrarre» il contenuto alcolico. Solitamente l’alcool evapora intorno ai 78,3 gradi centigradi. Sottovuoto, invece, già a circa 45 gradi. Il vantaggio di questo processo è una minore variazione del sapore durante la sottrazione dell’alcool.

2) Esempio

Bianca Senz’Alcool Feldschlösschen: Fabbricazione mediante distillazione a freddo
Come nelle birre alcoliche, si produce il cosiddetto aroma che viene portato a fermentazione con il lievito. In questo processo, il contatto tra lievito e aroma è intenso e breve. Il lievito viene rimosso a meno dello 0,5 percento in volume, interrompendo così la fermentazione. Questo metodo è utilizzato dai mastri birrai soprattutto con le birre di frumento.

 

 

4. Come si giustifica la crescente richiesta di birra analcolica degli ultimi tempi?

La birra analcolica è bevanda di tendenza. Sempre più persone conducono uno stile di vita attivo e tengono ad una sana alimentazione. La birra analcolica si sposa perfettamente con questa filosofia.

La birra analcolica

  • è genuinamente rinfrescante e dissetante
  • convince con il suo sapore intenso
  • spezza la routine a tavola, nel tempo libero e nei momenti di convivialità
  • ed è la risposta giusta a tutte quelle situazioni in cui si decide di rinunciare all’alcool.

 

 

5. Perché la birra analcolica è così amata dagli sportivi?

La birra analcolica è dissetante, reidratante ed energizzante. La birra analcolica è la bevanda senz’alcool ideale per i momenti di attività sportiva nel tempo libero, ad esempio trekking o passeggiate in bicicletta.

Dopo l’attività fisica, gli sportivi cercano di compensare la perdita di liquidi e di minerali. Una birra analcolica può dunque contribuire positivamente con i suoi carboidrati naturali, minerali (quali ad esempio magnesio, potassio) e numerose vitamine naturali del gruppo B. Alcune birre analcoliche sono isotoniche[1]

[1] Un prodotto è isotonico quando presenta una concentrazione di particelle disciolte paragonabile a quella sanguigna. Il corpo è pertanto in grado di assimilare meglio e più velocemente i liquidi e i minerali dopo lo sport.

 

 

6. Quali sono i valori nutrizionali e le calorie contenuti nella birra analcolica?

Ogni birra è un caso a sé stante.
Di seguito si riportano i valori di una Feldschlösschen Lager Senz’Alcool:

Calorie
Due terzi delle calorie di una birra sono da attribuire all’alcool, circa un terzo ai carboidrati[1]. Una birra analcolica contiene molte meno calorie di una birra alcolica.
Con circa i 2/3 di calorie in meno rispetto ad una Feldschlösschen Original nella variante alcolica (solo 15 kcal a fronte di 37 kcal), la Feldschlösschen Lager Senz’Alcool è a basso contenuto calorico[2]

[1] Bier und Gesundheit – ein Faktencheck, 1a edizione 2019
[2] A basso contenuto calorico in conformità all’OID: meno di 20 kcal/100 ml

 

 

7. Da quando esiste la birra analcolica in Svizzera?

La prima birra analcolica immessa sul mercato è stata prodotta dalla birreria Berner Brauerei Gurtner e si chiamava «Ex-Bier». È stata concepita negli anni Trenta ed è rimasta sul mercato per molti anni. Prima di allora, un’altra birra aveva provato inutilmente a imporsi: la birra di Haldengut.
Il birrificio Feldschlösschen ha da sempre svolto un’attività pionieristica nello sviluppo della birra analcolica. La birra analcolica «Schlossgold» esiste già dai primi anni Novanta. È diventata poi «Feldschlösschen Lager Senz’Alcool» e oggi è la birra analcolica più bevuta in Svizzera.

 

 

8. Perché determinate birre analcoliche presentano lo 0,5 percento di alcool in volume?

In Svizzera, le birre analcoliche possono avere una gradazione alcolica massima dello 0,5 percento in volume. Questa regolamentazione è in uso anche in altri paesi, ad esempio in Germania e in Austria. Altre birre analcoliche, quali ad esempio la Cardinal 0,0%, non contengono assolutamente alcool.
Il motivo che ci spinge a non sottrarre completamente l’alcool a determinate birre analcoliche risiede nelle caratteristiche organolettiche. L’alcool veicola aromi e sapori ed esalta il gusto corposo della birra. L’alcool residuo presente nelle birre analcoliche è talmente esiguo da non produrre effetti fisiologici sul corpo umano. 

 

 

9. La birra analcolica è adatta anche a bambini, donne in gravidanza ed ex bevitori compulsivi?

La birra analcolica non è adatta ai bambini. Bambini e adolescenti non dovrebbero abituarsi al gusto della birra in giovane età.
Sebbene la legge non imponga limiti di età per il consumo di birra analcolica,  Feldschlösschen promuove il consumo responsabile e si oppone alla vendita dei suoi prodotti a ragazzi e minorenni, ivi incluse le birre analcoliche. 

In linea con il parere medico, si raccomanda alle donne in gravidanza di evitare rigorosamente il consumo di alcool. Feldschlösschen fa sua tale raccomandazione. Ci sono molte gustose bevande a zero contenuto di alcool, tra cui ad esempio la Cardinal 0,0%, la Bilz Panaché. 

Chiunque abbia avuto un problema di alcolismo dovrebbe evitare categoricamente l’assunzione di birra analcolica. Determinante non è quello 0,5 percento in volume massimo di alcool, bensì il sapore che potrebbe risvegliare la necessità di bere alcool.